manicaretti con impastatrice

Come preparare manicaretti con impastatrice planetaria

Quando si è appassionati di cucina, si sa che la migliore alleata delle proprie ricette è l’impastatrice planetaria. Tra tutti gli elettrodomestici che rientrano nei must have di una brava cuoca, l’impastatrice è uno di quelli che non dovrebbe mancare mai perché risulta utile sia per impastare pasta per pizza o per pasta che per creare dolci manicaretti.

Come funziona impastatrice planetaria?

L’impastatrice è uno di quegli elettrodomestici che non manca mai in una cucina che si rispetti perché date le sue funzioni, è possibile impiegarla per preparare diverse pietanze sia salate che dolci: grazie all’utilizzo dell impastatrice, infatti, si possono preparare ogni sorta di piatti, dalla pasta fatta in casa alla pizza napoletana alle torte e alle ciambelle, e tutto in modo semplice e veloce, dato a fare tutto il lavoro più faticoso facendo risparmiare tempo prezioso è l’elettrodomestico; impastatrice è detta planetaria perché il lavoro delle sue fruste ricorda proprio il movimento dei pianeti: le tre fruste di cui è dotata, infatti, sono capaci di raggiungere ogni parte della ciotola e permettono con il loro movimento di ottenere in breve tempo un impasto liscio e omogeneo.

L’impastatrice planetaria, quindi, gioca sul lavoro di una frusta a foglia, che serve per mescolare bene gli ingredienti, una a filo che è l’ideale da usare per sbattere le uova, montare la panna o frullare le creme, e la frusta a gancio, che serve per lavorare gli impasti con lieviti. Così fornito, l’apparecchio consente di ottenere qualsiasi tipo di pasta assicurando un risultato finale degno di un vero chef. Le tre fruste lavorano eseguendo un movimento rotatorio con cui sono in grado di raccogliere tutto l’impasto, lavorarlo in modo omogeneo e renderlo pronto per utilizzarlo.

Quale tipo di planetaria scegliere?

Oggi esistono diversi modelli di impastatrici planetarie, per cui se si è indecisi su quale sistemare nella propria cucina bisogna capire quale può corrispondere maggiormente alle proprie esigenze culinarie, e quindi ammettere che tipo di cuoca si è. Per esempio, se piace di più dilettarsi negli impasti per torte, quiche, pan di spagna, o nella creazione di creme, panna cotta o budini, e quindi si è maggiormente propensi a cucinare dolci, la planetaria potrebbe essere anche sostituita da un paio di semplici fruste, elettriche o manuali, dato che si tratta di pietanze che non richiedono sempre un lavoro di impasto peculiare.

Se invece non si preferisce lavorare solo ai dolci ma sperimentare un po’ di tutto, allora la planetaria può davvero rappresentare un’ottima alleata dato che si rivela da subito uno strumento molto versatile, capace di lavorare qualsiasi tipo di alimento, dal pane alla pasta alla pizza facendo risparmiare sulla pulizia di mestoli e pentole che si sarebbero usati.